Liberamente

Liberamente, ecco, questa sono io e il motivo per il quale sono qui è la voglia di condividere la mia passione: viaggiare e scrivere di viaggi.

“Ma tu che viaggi cosĂŹ tanto e vivi con tanta passione i tuoi itinerari, hai mai pensato di raccontarli?"

Questa è la domanda posta piĂš spesso nell’ultimo periodo, ed io, curiosa di natura, non me lo sono fatto ripetere due volte.
Ma quale nome scegliere per il mio profilo?
Beh, di sicuro qualcosa che mi rappresenti, che parli di me a chi di fatto non mi conosce.
Da qui la nascita di Liberamente, un vero e proprio gioco di parole tra il mio nome, Libera, e  il suffisso -mente.
Sapevate che aggiungendo la parola “mente” a gran parte degli aggettivi qualificativi italiani, si ottiene un elevatissimo numero di avverbi che usiamo tutti i giorni?
È proprio cosÏ, anche  se forse non ci soffermiamo abbastanza sul loro reale significato, presi dallo scorrere veloce delle nostre vite.
La parola Liberamente infatti vuol dire “con mente libera, con autonomia di pensiero e di scelta, con piena consapevolezza della propria identità, con totale assenza di pregiudizi“ ed è la mentalità che voglio condividere attraverso i miei viaggi. Ho deciso di aprire questo blog perché tanti sono i contenuti  che voglio trasmettere a tutti voi. Sento il bisogno di avere uno spazio tutto nostro, aperto anche ai confronti, ai consigli e ai suggerimenti.

Benvenuti a bordo, adesso si parte!

Libera a Bangkok
4 Mins

Terribilis est locus iste hic domus Dei est et porta coeli("Impressionante è questo luogo. Qui è la casa di Dio e la porta del Cielo. In questa grotta i peccati degli uomini sono perdonati") Questa è la scritta che accoglie i ...

7 Mins

Il Gargano non è solo mare turchese, bianche falesie e borghi antichi arroccati sul mare, ma offre anche una proposta gastronomica che, nel rispetto della tradizione contadina e marinara di questi luoghi, riesce ad offrire al visitatore tutti i ...

6 Mins

Romagna solatĂŹa, dolce paese cui regnarono Guidi e Malatesta, cui tenne pure il Passator cortese, re della strada, re della foresta"(G. Pascoli, "Myricae: Ricordi, Romagna, vv.60-64) Con questi accorati versi, Giovanni Pascoli compose la sua personale dichiarazione d'amore alla terra natia, ...