“Vinum bonum laetificat cor hominis”

Affermavano gli antichi Romani in quello che è diventato uno dei detti popolari oggi più diffusi: “Buon vino fa buon sangue“.

Sulle colline a sud di Bologna, a circa 350 metri d’altezza, si trovano i 16 ettari dei vigneti del Podere Riosto.

Pensate che proprio qui si collocano le origini della famiglia di Ludovico Ariosto, autore del celeberrimo “Orlando Furioso” per citare solo una delle opere del grande letterato italiano, solitamente collegato alla città di Ferrara da parte del padre, e alla città di Reggio Emilia da parte della madre.

Il cognome Ariosto deriva proprio dal toponimo relativo alla zona di origine, “Riosto” appunto.

Quando la famiglia si trasferì a Ferrara, vennero identificati come gli “a Riosto“, ovvero come coloro che provengono da Riosto, poi più semplicemente “Ariosto“.



Di sicuro la visuale che si apre agli occhi del visitatore si presta a divenire con estrema facilità oggetto di ispirazione poetica.

Lontani dai rumori della città, circondati dalle verdi colline bolognesi, a Podere Riosto è possibile prenotare pranzo o cena in vigna.



Arrivando mezz’ora prima dell’orario concordato per il pranzo, mi è stato possibile passeggiare tra i vigneti e degustare un fresco aperitivo a base di spumante rosè brut “For You” delle uve del Fantini.



Quindi, a seguito di Cristiana, ci è stato offerto un tour nella cantina del Podere, dove ci sono state illustrate le metodologie adoperate per offrire alla propria clientela un ottimo prodotto finale.



Il pranzo, servito tra i vigneti, ha visto protagonisti i piatti tipici della cucina emiliana, ovvero un antipasto di affettati misti e formaggi, una lasagna e l’immancabile torta tenerina con il mascarpone.



Durante tutta la durata del pranzo ci è stato servito dell’ottimo vino Pignoletto Superiore Colli Bolognesi.



Molto apprezzata infine è stata la presenza di Cristiana tra i tavoli di tutti i commensali con una buona bottiglia di Cabernet rosso Colli Bolognesi.

Consiglio non solo a tutti coloro che vivono nei dintorni di Bologna ma anche a quelli che decidono di visitare il capoluogo emiliano per alcuni giorni, di inserire Podere Riosto come una delle loro tappe, magari proprio la conclusiva, così da regalarsi la splendida esperienza di pranzare all’interno di un vigneto.

Sarà un’occasione unica per assaporare una delle attività più antiche presenti nel territorio bolognese, che vi permetterà di stabilire un contatto diretto con questo territorio e di portare a casa, al posto dei soliti souvenir, qualche bottiglia di ottimo vino!



E ora ditemi di voi; siete amanti del buon vino? Preferite quello fermo o siete tipi da bollicine?

Vi aspetto nei commenti.

Leave a Reply
Comments
  • Francesca Rossetti 03/10/2020

    Un pranzo “semplice” in un posto meraviglioso, per rendere una giornata fantastica. Sempre curiosità, novità, bisogna essere sempre connessi con te, per fortuna ❤❤

  • Fe'licita 01/10/2020

    Meraviglioso…si respira un’atmosfera rilassante

    • liberamente_traveller 01/10/2020

      In mezzo alle colline , passeggiando tra le vigne … qui i rumori della città sono un lontano ricordo

  • Alfonso Picerno 01/10/2020

    Wooow che esperienza magnifica