Situata all’estremo sud ovest di Fuerteventura, la selvaggia playa de Barlovento si trova sulla costa diametralmente opposta a quella della bianchissima playa de Sotavento.

Il receptionist del primo residence in cui ho alloggiato a Corralejo, il gentilissimo Ivan, mi aveva segnato su una mappa dell’isola tutti i luoghi da visitare, anche fuori dalle comuni rotte turistiche, i ristoranti locali dove mangiare e i piatti tipici assolutamente da provare.


questa la mappa dell’isola con gli appunti di Ivan su: spiagge, escursioni, ristoranti e piatti tipici

Tra questi spiccava, nell’estremo sud, la Punta de Barlovento, un luogo unico, a detta di Ivan, selvaggio e incontaminato.

Poichè fino a quel momento tutti i suoi consigli si erano rivelati ottimi, non potevo non onorare anche quell’ultimo appunto, segnalato da Ivan così generosamente sulla mia mappa, e così mi apprestavo a prepararmi per il viaggio verso l’ultima spiaggia ancora da vedere sul territorio di Fuerteventura, Barlovento.

Decido tuttavia di consultare la guida che avevo acquistato prima della partenza, edita da uno dei marchi più autorevoli del settore, la quale addirittura sconsiglia di avventurarsi fino a Barlovento se non con un fuoristrada , specificando che, cito testualmente:

con curve strette, dirupi e nessuna barriera, guidare a lungo la strada sterrata che conduce fin qui richiede nervi d’acciaio.

circa a metà strada c’è un belvedere sferzato dai venti, dove gran parte degli automobilisti rinuncia a proseguire e torna indietro

Ma perchè Ivan mi avrebbe consigliato di recarmi su quel tratto di costa che sembra irraggiungibile?

Eppure lui lo sapeva che io avevo noleggiato una Fiat 500 per il mio tour di Fuerteventura! Penso tra me e me mentre comincio a cercare sul web dei forum o meglio dei video che mostrino questa strada impraticabile.

La mia ricerca non ha prodotto granchè , anzi, ho addirittura trovato un autobus “fuoristrada” che da Morro Jable tutti i giorni si reca a Barlovento, con una corsa al mattino e al’altra nel primo pomeriggio (per info: www.tiadhe.com ), ma così facendo avrei avuto troppi vincoli di orario.

Ho pensato di mettermi in viaggio e di proseguire finchè possibile, e ho capito ben presto di aver fatto la scelta giusta.

Chi di voi, come me, è abituato a raggiungere in automobile alcune spiagge italiane, penso ad esempio ad alcune baie del Gargano, della Sicilia, ma anche alcune spiagge delle isole Greche, sa che percorrere strade non asfaltate e piene di sassi, è all’ordine del giorno.

Sappiate che se siete tra questi, non avrete alcun problema a raggiungere la playa de Barlovento, perchè la strada non è affatto come viene descritta nelle guide di viaggio o nei forum sul web.

Io, più che dirvi di andarci o meno, farò di meglio. Condividerò il video che ho realizzato dall’interno dell’auto (ovviamente in quel momento non ero io alla guida del mezzo), di rientro dalla spiaggia, nel tratto di strada ritenuto più pericoloso , in modo tale che ognuno di voi possa farsi un’idea e decidere sul da farsi.



Da Morro Jable occorrono 45 minuti per arrivare fino a Cofete, il minuscolo paesino affacciato sulla spiaggia di Barlovento.

Lungo la strada troverete un bivio , se deciderete di voltare verso sinistra andrete al Faro di Jandia, estremità meridionale dell’omonima penisola, in alternativa troverete un belvedere panoramico davvero da togliere il fiato.

Qui, una volta parcheggiata l’auto, potrete fare delle foto , prima di proseguire verso la spiaggia.


la playa di Barlovento vista dal belvedere

Devo dire che quel giorno, tutti gli automobilisti decisero, come me nella mia Fiat 500, di proseguire fino alla spiaggia. Non ho visto nessuno tornare indietro, come invece profetizzato dalla mia guida di viaggio.

La spiaggia è selvaggia e sferzata dai venti. La sabbia dorata è così soffice che ad ogni passo corrispondono impronte sempre più profonde, presto coperte dalle onde, nel loro continuo andirivieni.


la spiaggia di Barlovento

Non vi nego che qui, rispetto a playa de Sotavento il vento è più fresco e c’è un pò di foschia , ma è proprio questo che rende il paesaggio unico nel suo genere.

Passeggiare su questa lunga distesa di sabbia, mentre l’unico rumore che domina la scena è il soffio del vento unito allo sciabordio delle onde, mette in secondo piano tutti i timori di non riuscire ad arrivare, ai quali sono contenta di non aver dato ascolto.


la sabbia è davvero soffice su questa spiaggia

Ho preferito ascoltare la mia anima di viaggiatrice e ora sono qui, a divertirmi come una bambina mentre , correndo a destra e sinistra, guardo le mie impronte formarsi e poi venire presto annientate, dalle onde che intanto mi inseguono, ad ogni passo.

E sono felice.

E ora ditemi di voi; come vi sareste comportati al mio posto: avreste lasciato perdere, come da indicazione della guida, oppure vi sareste avventurati nell’ignoto, spinti dal piacere della scoperta?

Vi aspetto nei commenti.

Leave a Reply
Comments
  • Ni ves 17/09/2020

    Che avventura incredibile ! Mi piacerebbe molto fare questo intero percorso!

  • Sparviero Lo 16/09/2020

    Sicuramente anche io avrei agito come te, io sono uno a cui piace avventurarsi quindi non avrei seguito il consiglio della guida.

    • liberamente_traveller 16/09/2020

      Ci tenevo a condividere la mia esperienza perché vorrei che chi mi legge non sia condizionato da opinioni altrui o pregiudizi ma attraverso il video e le mie foto possa farsi un’idea e decidere se visitare o meno un luogo. Penso sia un patto di onestà e trasparenza con chi legge i miei contenuti.

  • Vanessa Sbezzo 15/09/2020

    Una spiaggia davvero molto suggestiva mi piace tanto hai fatto bene ad andarci!

    • liberamente_traveller 15/09/2020

      Davvero spettacolare ! Un’emozione unica!! mai farsi scoraggiare da nessuno , neanche dalle guide di viaggio più autorevoli 😉

  • Fe'licita 15/09/2020

    Beh di sicuro ne è valsa la pena, sei stata ripagata con tanta bellezza e poi era quasi deserta…che pace!

    • liberamente_traveller 15/09/2020

      Questa estate a Fuerteventura c’era poca gente e così ho potuto godere appieno dei paesaggi .