Cerca
Close this search box.
Cerca

Vacanze in camper: perché scegliere Vieste

vacanze in camper a Vieste

Indice dei Contenuti

Se state programmando le vostre prossime vacanze in camper e cercate una meta immersa nel verde, ricca di fascino e con un’ottima cucina tipica, allora scegliete Vieste.

La celebre località turistica pugliese, situata sull’estremità orientale del Promontorio del Gargano, saprà infatti donarvi momenti di profonda connessione con la natura, la storia e le tradizioni locali, facendovi riscoprire uno degli angoli più incontaminati del nostro Paese.

Vieste: i buoni motivi per organizzare le vacanze in camper

Sapevate che gli italiani sono un popolo di camperisti?

Io me ne sono resa conto quasi per caso, ascoltando i racconti entusiasti di colleghi e conoscenti al rientro dalle ferie.

Famiglie con bambini, giovani coppie, comitive di amici: trascorrere le vacanze a bordo di un camper costituisce ormai una valida alternativa ad alberghi e villaggi turistici.

Ne parlavo proprio l’altra sera con Omar ed Elisabetta, che in compagnia dell’affezionato cane Brando da anni attraversano lo stivale su una casa a quattro ruote.

Incuriosita da questa nuova modalità di vivere il viaggio, ho chiesto loro di raccontami quali fossero i reali benefici di una scelta simile.

Tra i principali vantaggi di una vacanza in camper, non può che esserci il desiderio di concedersi qualche giorno in totale libertà e autonomia.

Ciò vuol dire inevitabilmente liberarsi di quel senso di ansia costante, che pervade i maniaci della pianificazione e del controllo.

Non è necessario prenotare camere in costosi hotel o affannarsi a cercare tavoli liberi nei ristoranti stellati.

Il camper all’occorrenza sa trasformarsi in un alloggio accogliente e confortevole, dove rilassarsi e gustare un piatto caldo con un buon bicchiere di vino.

È indubbio inoltre che, portare con sé tutto l’occorrente per passare al meglio le giornate fuori casa, costituisce anche un’ottima modalità per non gravare sul bilancio familiare, riducendo in modo consistente i costi e gli sprechi.

Gestire autonomamente il proprio tempo, così come il denaro, permette di disporre di una notevole flessibilità nella definizione dell’itinerario, apportando in qualsiasi momento variazioni o cambi di rotta, senza doversi giustificare con nessuno (se non con i propri compagni di viaggio).

A bordo di un camper non esistono limiti e restrizioni relativamente al bagaglio, all’attrezzatura sportiva e agli amici a quattro zampe che qui, sono sempre i benvenuti.

Omar, Elisabetta e Brando in viaggio
Omar, Elisabetta e Brando in uno dei loro viaggi a bordo del camper

Pianificare le vacanze su una casa mobile infine, consente di ammirare angoli e scorci unici, altrimenti irraggiungibili.

D’altronde, addormentarsi sotto un manto di stelle a pochi metri dal mare, non è forse meglio che ritrovarsi a fissare l’anonimo soffitto di una stanza d’hotel?

Vacanze a Vieste: itinerario per un viaggio in camper tra storia, arte e natura

Se quello che vi apprestate ad intraprendere è il vostro primo viaggio in camper alla volta del Gargano, vi consiglio di concedervi almeno 3 o 4 tappe intermedie, prima di raggiungere Vieste.

Lo Sperone d’Italia infatti, è un territorio per certi versi ancora alquanto selvaggio.

I boschi e le pinete ricoprono prepotentemente la costa, mentre le alte falesie, bianchissime, celano baie e calette, perfette per una fuga dai rumori della città.

E che dire dei piccoli borghi?

Nei vicoli stretti e apparentemente senza uscita, si celano racconti, leggende e tradizioni che non vedono l’ora di mostrarsi agli occhi curiosi dei turisti, che ogni anno scelgono di trascorrere qui le loro vacanze.

Visitare Monte Sant’Angelo la località più alta del Gargano

Uno dei luoghi più caratteristici del Gargano è indubbiamente Monte Sant’Angelo.

Inserita da alcuni anni nel prestigioso elenco dei borghi più belli d’Italia, è la località più alta del Promontorio, poiché si erge a ben 843 metri sul livello del mare.

La sua fama è legata indissolubilmente alla figura di San Michele Arcangelo, a cui è intitolata l’omonima Basilica Santuario.

Si innalza nel punto esatto in cui si trova la grotta dove, secondo la tradizione, il Santo Guerriero fece la sua apparizione, al fine di proteggere la città dalle invasioni nemiche.

San Michele Arcangelo a Monte Sant'Angelo
Basilica Santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo

Oltre ad una forte valenza storica e religiosa, Monte Sant’Angelo saprà regalarvi panorami da togliere il fiato.

Grazie alla presenza di diversi affacci sul vicino Golfo di Manfredonia, il vostro sguardo si perderà inevitabilmente nel blu del Mar Adriatico.

Mi raccomando: non andate via prima di concedervi una passeggiata nel bianchissimo Rione Junno!

Per preparare al meglio la vostra visita, date un’occhiata al mio approfondimento dedicato a: cosa vedere a Monte Sant’Angelo.

Dalla Foresta Umbra a Monte Sacro: escursione nel cuore verde del Gargano

Lo so che forse potrà farvi storcere il naso, eppure il polmone verde del Gargano si chiama davvero Foresta Umbra, pur trovandosi in Puglia.

Si tratta della foresta di latifoglie più estesa del nostro Paese.

Le sue faggete vetuste occupano circa 11.000 ettari e affascinano tantissimi appassionati delle attività all’aria aperta, che tutti i giorni scelgono di avventurarsi per uno dei sentieri di trekking segnalati.

Se amate percorrere itinerari altamente panoramici ma ancora poco battuti, una vota tornati a bordo del camper, chiedete al navigatore di condurvi verso Monte Sacro.

Questo rilievo costituisce la quarta vetta più alta del Gargano e si trova esattamente tra Monte Sant’Angelo e Mattinata.

Il percorso, che si articola in salita, può essere intrapreso esclusivamente a piedi e presenta un dislivello di circa 600 metri.

Dopo i primi minuti di cammino, i muretti a secco lasciano il posto ad una verdissima lecceta, che cela il rudere dell’Abbazia della Santissima Trinità.

Il complesso monumentale, risalente al X secolo, ospitava una vasta comunità di monaci, finché non venne definitivamente abbandonato.

un dettaglio del rudere dell'Abbazia di Monte Sacro sul Gargano
Rudere dell”Abbazia della Santissima Trinità di Monte Sacro

Prima di partire per l’escursione, consultate il racconto della mia visita all’Abbazia di Monte Sacro.

È stata un’esperienza sorprendente: sono sicura che non potrà lasciarvi indifferenti.

In viaggio verso Vieste: le spiagge della costa meridionale

La strada costiera che da Mattinata conduce a Vieste è tra le più suggestive d’Italia. Va percorsa con calma e tranquillità, anche perché è tortuosa e piene di curve.

Capirete di essere finalmente entrati nel territorio viestano, quando sopraggiungerete nelle vicinanze della piccola Baia di Vignanotica.

È un vero e proprio angolo di paradiso!

Qui, come nella vicina Cala della Pergola, il profondo fondale dalle sfumature turchesi vi indurrà inevitabilmente a fare una sosta.

A dirla tutta però, la spiaggia della costa meridionale di Vieste che preferisco è Baia di Campi.

Ciò che la rende affascinante e la distingue dalle calette vicine, è l’isolotto che si staglia a poca distanza dalla riva.

Se siete allenati, potrete anche raggiungerlo a nuoto, magari sfidando i vostri compagni di viaggio.

Ancora qualche chilometro e poi finalmente vedrete apparire in lontananza l’inconfondibile skyline del borgo di Cristalda e Pizzomunno.

Non abbiate troppa fretta di arrivare a Vieste per dare inizio alle vostre vacanze e parcheggiate il camper nello slargo nei pressi della torre di guardia.

Siete al cospetto dell’Architiello di San Felice, uno dei monumenti naturalistici simbolo di tutto il Gargano.

architiello di San Felice visto dal mare a Vieste
Architiello di San Felice

Concedetevi una breve pausa fotografica prima di ripartire.

Le baie e gli arenili di Vieste costituiscono il fiore all’occhiello del turismo locale. Tra lunghe distese di sabbia dorata e calette nascoste dalle pinete: ce n’è davvero per tutti i gusti!

Se volete essere certi di scovarle tutte, consultate il mio articolo dedicato alle spiagge più belle da vedere a Vieste.

Il centro storico di Vieste: cosa vedere

Un dedalo di vicoli capace di mettere a dura prova le abilità di orientamento degli stessi cittadini, per lo meno di quanti risiedono al di fuori della città vecchia, è il modo in cui si presenterà ai vostri occhi il centro storico di Vieste.

Vi si accede attraverso la celeberrima Scalinata dell’Amore, su cui sono state trascritte le parole del brano sanremese di Max Gazzè, La leggenda di Cristalda e Pizzomunno.

I monumenti più significativi dell’antico centro abitato sono indubbiamente il Castello Svevo Aragonese, situato nel punto più alto della città e la vicina Cattedrale, intitolata a Santa Maria Assunta.

Lasciatevi guidare dal rumore delle onde del mare e, dopo una sosta dinanzi alla Chianca Amara, raggiungete la panoramica Piazzetta Petrone.

Quindi, spostatevi alla Ripa e intrattenetevi nei negozietti di souvenir dei vicoli che da qui vi condurranno a Largo Seggio.

Punta San Francesco a Vieste nel centro storico
Punta San Francesco vista dalla Ripa a Vieste

Proseguite fino a Punta San Francesco e accomodatevi al cospetto del faro, collocato sull’isolotto di Sant’Eufemia, dinanzi ai giardini pubblici di Marina Piccola.

Potete trovare maggiori informazioni e qualche spunto utile nel mio itinerario dedicato a: cosa vedere nel centro storico di Vieste.

I trabucchi: antichi strumenti di pesca della costa tra Vieste e Peschici

Originalissime strutture di legno, costruite direttamente sulle scogliere, connotano la strada litoranea in direzione nord, tra Vieste e Peschici.

Vi presento i trabucchi, veri giganti di questo tratto di mare.

Si racconta che furono messi a punto dai pescatori locali, stufi di vedere costantemente minacciata la loro attività, a causa delle incursioni dei pirati.

Oggi, dopo decenni di abbandono, grazie alla volontà e alla perseveranza dei trabuccolanti e di alcuni cittadini, queste antichissime macchine da pesca sono state interamente restaurate e aperte alle visite.

trabucco di San Lorenzo a Vieste al tramonto
Trabucco al tramonto: uno spettacolo a Vieste

Per saperne di più, consultate il mio articolo dal titolo: Visitare un trabucco a Vieste.

Un consiglio: questo tratto di costa ospita un’area sepolcrale di 6.000 metri quadrati. È considerata una delle più antiche tracce della diffusione del cristianesimo sull’intero territorio garganico.

Leggendo il racconto della mia visita alla Necropoli La Salata capirete perché dovete assolutamente visitarla.

Noleggiare un camper con Goboony

Non vedete l’ora di partire per le vostre vacanze a Vieste ma temete di non essere ancora pronti per l’acquisto di un camper?

Noleggiatene uno con Goboony, il portale accessibile soltanto a privati, creato da due camperisti olandesi, che si sono conosciuti per caso durante un viaggio in Nuova Zelanda.

La formula è molto simile a quella di Airbnb, anche se in questo caso si tratta di appartamenti su quattro ruote e non di camere all’interno di grattacieli.

Di ciascun camper vengono indicate le caratteristiche, gli accessori in dotazione e le regole di noleggio.

Per affinare la ricerca inoltre, si può ricorrere ad una serie molto accurata di filtri che, tra le altre cose, consentono di individuare la città nella quale effettuare il ritiro e la riconsegna.

Prima di finalizzare la richiesta di prenotazione, è inoltre possibile contattare direttamente il proprietario del mezzo, rivolgendogli domande o dubbi.

Noleggiare un camper non è mai stato così facile: ora sì che siete davvero pronti per le vostre prossime vacanze a Vieste!

Foto in evidenza di Volker Glätsch da Pixabay

I miei ultimi itinerari di viaggio:

Articoli consigliati

Il parco storico di Ayutthaya, patrimonio UNESCO dal 1991, è una tappa obbligata per chi desidera approfondire l’antichissima storia thailandese. È proprio grazie a questo

Siviglia è una delle città più belle di tutta la Spagna e non è affatto semplice delineare cosa vedere in un itinerario di 3 giorni.

Si può davvero programmare un viaggio di almeno 3 giorni a Ibiza senza dover andare necessariamente in discoteca? La domanda è tutt’altro che banale e

Se quello che state organizzando è il vostro primo viaggio a Napoli, vi sarà sicuramente utile qualche dritta per scegliere con cura la zona dove

Se vi state chiedendo cosa vedere e fare in un giorno a Dublino, sappiate che il centro della capitale irlandese si può esplorare comodamente a

Quali sono le cose da vedere a Napoli almeno una volta nella vita? Stilare un elenco non è affatto semplice e so già che, se

Indice dei Contenuti

Mi presento
Ciao, il mio nome è Libera! Sono pugliese di nascita e bolognese d’adozione.
Liberamente Traveller è il blog per chi ama scoprire nuove destinazioni con la mente libera da pregiudizi. Se stai cercando consigli e spunti utili a pianificare la tua prossima partenza, sali a bordo: sei nel posto giusto.
Condividi l'articolo
Facebook
X Twitter
LinkedIn
WhatsApp

18 risposte

  1. Sicuramente, vivere la bellezza della strada costiera da Mattinata a Vieste e soffermarsi in camper in questa zona è un grande valore aggiunto ad ogni vacanza in Puglia. Quante opportunità che possono essere utilizzate!

  2. Abbiamo sempre parlato di fare un viaggio in camper ma non l’abbiamo mai realizzato. Sicuramente riuscire a girare la costa garganica su un camper, muovendosi con i propri ritmi, avendo sempre un posto accogliente sempre lì, è un sogno.

  3. E’ da un pò che io e Gianni ci rigiriamo in mente l’idea di prendere un camper, ma per il momento preferiamo rimandare visto che abbiamo in mente un pò di viaggi intercontinentali. Ma sicuramente faremo anche noi questo passo, prima o poi!

  4. Ho fatto le vacanze in camper per tantissimi anni con i miei genitori e, anche se adesso devo dire che non è più il tipo di vacanza che fa per me, ho dei bellissimi ricordi dei posti che ho visto. La libertà di cambiare rotta all’ultimo minuto e di stare in mezzo alla natura sono sicuramente gli aspetti che mi mancano di più di quei viaggi.

  5. Da ex camperista posso solo dire che questo è un modo di viaggiare molto particolare, negli ultimi viaggi in Australia sono stata tentata di noleggiare un camper, chissà …

  6. Non sono camperista ma i miei suoceri e due miei zii lo sono quindi condivido con loro questo articolo utile. É bello sapere come Vieste sia comoda anche da raggiungere con questo mezzo!

  7. per un breve periodo abbiao proprio pensato di comprarlo, un camper. Ne abbiamo visti davvero tantissimi,. Poi però ci ha trattenuto il rimessaggio. Dove avremmo potuto parcheggiarlo?? Allora abbiamo optato per il noleggio, così non abbiamo costi fissi e nessun problema di parcheggio! Goobony è una garanzia.

  8. A Vieste sono stata anni fa in auto, partendo da casa, quindi un viaggetto bello lungo, posti stupendi! Il camper non lo abbiamo ma a me ha sempre ispirato, per cui è decisamente ottimo il tuo consiglio di questo sito per noleggio camper, potrebbe essere la volta buona per provare questo diverso tipo di vacanza, più slow e godibile secondo me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *